Dirigenti scolastici. Conferimento e mutamento d'incarico dirigenziale in Toscana AS2019/20

UIL Scuola Firenze

In Toscana è in preparazione la circolare regionale relativa al conferimento / mutamento di incarico corredata dall'elenco delle sedi delle istituzioni scolastiche attualmente disponibili e dall'elenco delle istituzioni scolastiche sottodimensionate

Con riferimento alle disposizioni normative e contrattuali in vigore, in particolare alla nota MIUR  n. 26398 del 03.06.2019 (allegata e consultabile/scaricabile nel linck in basso),  si informa che è in preparazione la circolare regionale relativa all'oggetto corredata dall'elenco delle  sedi delle istituzioni scolastiche attualmente disponibili e dall'elenco delle istituzioni scolastiche sottodimensionate.

Le operazioni di conferimento degli incarichi dirigenziali aventi decorrenza dall'1.9.2019, saranno effettuate sulla base dei criteri e della tempistica di seguito riportati.

CRITERI DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

Gli incarichi saranno conferiti per la durata di un triennio, secondo il seguente ordine:

 

  1. a) conferma degli incarichi ricoperti alla scadenza del contratto (31 agosto 2019), salvo diversa disposizione dell'USR;
  2. b) assegnazione di altro incarico per ristrutturazione e riorganizzazione dell'ufficio dirigenziale con conservazione dell'autonomia (codice meccanografico uguale o diverso) e mutamento dell'incarico a seguito di sottodimensionamento delle istituzioni scolastiche;
  3. c) conferimento di nuovo incarico alla scadenza del contratto ed assegnazione degli incarichi ai dirigenti scolastici che rientrano, ai sensi delle disposizioni vigenti, da collocamento fuori ruolo, comando o utilizzazione, ivi compresi gli incarichi sindacali e quelli all'estero;
  4. d) mutamento di incarico in pendenza di contratto individuale;
  5. e) mutamento di incarico in casi eccezionali, come definiti al comma 3, art. 9, CCNL Area V del 15/7/2010;
  6. f) mobilità interregionale.

Con riguardo alle suddette operazioni, trovano applicazione le disposizioni contenute all'art. 9 del CCNL  Area V del 15.7.2010. Secondo quanto previsto dal comma 1 dell'art. 19 del D. L.vo 165/2001 e s.m.i., si terrà conto delle attitudini e delle capacità professionali del singolo dirigente, da valutare considerando le esperienze svolte nel ruolo dirigenziale e le competenze maturate.

In caso di scadenza di incarico triennale (31.08.2019), anche nel caso in cui la preferenza sia per la riconferma sulla medesima sede, dovrà essere presentata domanda con le modalità sotto riportate, indicando ulteriori sedi oltre a quella di attuale titolarità.

Inoltre anche tutti i dirigenti scolastici in servizio presso le Istituzioni scolastiche coinvolte nel dimensionamento o sottodimensionate dovranno partecipare alle operazioni di mobilità.

Qualora il dirigente scolastico, perdente posto, non presenti domanda, si provvederà d'ufficio all'assegnazione della sede di incarico.

Si ricorda che l'art. 16 comma 2 del D..D.G. 13.7.2011 prevede che "i vincitori assunti con rapporto a tempo indeterminato che effettuano il periodo di formazione e tirocinio, sono tenuti a permanere nella regione di assegnazione per un periodo non inferiore a 6 anni"

Si rammenta, inoltre, quanto previsto dall'art. 4 comma 5, del D.M. 635 del 27/8/2015 attuativo dell'art. 1, comma 92, della Legge 107/2015 - a norma del quale "i destinatari di incarico a tempo indeterminato a seguito della procedura di cui al presente decreto, sono obbligati a permanere nella regione assegnata per almeno un triennio".

MODALITA' E TEMPISTICA

I dirigenti scolastici, compresi quelli in particolari posizioni di stato e che potrebbero rientrare dal collocamento fuori ruolo, comando, utilizzazione,incarico sindacale o rientro dall'estero, potranno presentate domanda entro il 20 giugno 2019, esclusivamente on line (con esclusione delle richieste di mobilità fuori regione). Sempre entro il 20 giugno 2019, dovranno essere inviate all'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana le istanze di mobilità interregionale.

Per gli incarichi di reggenza, le modalità e la tempistica per l'invio delle disponibilità, saranno comunicate dall'Ufficio Scolastico Regionale successivamente al termine delle operazioni di conferme, mutamenti, mobilità e assegnazioni di incarichi di presidenza. Per gli incarichi di reggenza, (art. 19 comma 1 del CCNL 11/4/2006) si terrà conto prioritariamente dell'esigenza dell'amministrazione, della continuità nella sede data a reggenza per un massimo di tre anni, nonché del criterio di viciniorietà e di permanenza nella sede dell'incarico principale; la disponibilità di chi ha ottenuto la mobilità verrà valutata solo in via residuale.

Data
06-06-2019
Condividi su: